La corretta valutazione dell’età dei cervidi rappresenta un aspetto imprescindibile per poter impostare ed eseguire una corretta gestione faunistica ed è un presupposto fondamentale per la valutazione della dinamica di popolazione.

Molteplici sono gli elementi e le metodiche che permettono di definire l’età di un ruminante selvatico a vita libera. In particolare negli animali abbattuti, oltre alla valutazione della carcassa, ci si avvale di metodiche empiriche (valutazioni soggettive) e metodiche scientifiche (valutazioni oggettive).

Scopo della presente trattazione è quello di fornire un approfondimento sui metodi di valutazione dell’età dei cervidi, in particolare del capriolo, con particolare riferimento al metodo della “deposizione del cemento secondario” sulla base di un campionamento sperimentale di denti effettuato in caprioli a vita libera nell’Ambito Territoriale di Caccia Prealpino di Bergamo.

Il testo è disponibile presso l'autore.

Utenti online

Abbiamo 95 visitatori e nessun utente online

Joomla 3.0 Templates - by Joomlage.com